San Pietro in Bossolo Museo di Arte Sacra

Tavarnelle

Storia di Tavarnelle

Museo di Arte Sacra

  In English

In italiano  

Il Museo d'Arte Sacra di Tavarnelle Val di Pesa è stato inaugurato nel 1989 al primo piano della canonica di San Pietro in Bossolo e raccoglie le testimonianze artistiche provenienti dall'antico piviere di San Pietro e da quello di San Donato in Poggio, con l'eccezione dell'importante nucleo di opere direttamente pertinenti alla chiesa parrocchiale di San Donato, che in parte sono ancora in sito e in parte nel Museo di Santo Stefano al Ponte a Firenze.

La pieve di San Pietro in Bossolo

La riedificazione della pieve di San Pietro in Bossolo in forme romaniche avvenne entro la metà dell'XI secolo, ma le numerose sovrapposizioni architettoniche stratificatesi con il passare dei secoli ne hanno alterato l'aspetto esterno, lasciando visibili solo in piccola parte le strutture originarie. L'interno, invece, è stato ricondotto al suo aspetto primitivo da restauri recenti, che hanno riportato alla luce il filaretto in pietra delle pareti e dei pilastri e hanno smantellato le numerose sovrastrutture che deturpavano le sobrie geometrie lineari. Le tre navate sono divise da cinque valichi di uguale ampiezza, sostenuti da semplici pilastri quadrangolari con bassi plinti a vista e una semplice cornice alla sommità in luogo del capitello; unico altro motivo ornamentale è una modanatura a risega che segue le archeggiature lungo tutto l'estradosso dell'arco.

La Pieve di San Pietro in Bossolo

La Pieve di San Pietro in Bossolo

Fondata forse dalla famiglia degli Alamanni, la pieve passò prima in proprietà ai vescovi fiorentini e poi al Capitolo della Cattedrale, che vi esercitò la propria autorità almeno fino al 1340. Nel corso del secolo XV il patronato passò alla nobile famiglia dei Buondelmonti, alla quale apparteneva il pievano e canonico Andrea, promotore di importanti lavori di restauro e di ampliamento. Nel 1508 questi finanziò la ricostruzione della canonica e dopo due anni ne predispose lo sviluppo sul lato sud orientale, facendo erigere nella stessa occasione il portico antistante la chiesa. Durante i due secoli successivi l'interno della pieve fu soggetto ad ulteriori modifiche, fino a perdere del tutto la sua fisionomia originaria, cui l'hanno restituita i radicali interventi di ripristino eseguiti nel 1946. Al secolo scorso risalgono invece la costruzione della torre campanaria e l'apertura della piccola Cappella del Battistero ad essa adiacente.

Museo di Arte Sacra di Tavarnelle

Dal chiostro si accede alla canonica e da qui al Museo d'Arte Sacra, di cui Rosanna Caterina Proto Pisani ha redatto il catalogo e dove le opere sono state ragguppate per luogo di provenienza. La visita inizia dal salone centrale del primo piano che ospita i dipinti e gli arredi della chiesa e del piviere di San Pietro in Bossolo. Il patrimonio della chiesa matrice è rappresentato attualmente da pregevoli pezzi di oreficeria, fra i quali una croce astile databile al XIII secolo, qualche reliquiario di legno intagliato e alcuni esemplari di vesti liturgiche che facevano parte di antichi parati. Ma la pieve ospitava ormai da lungo tempo anche due dipinti molto conosciuti e di grande valore artistico: la Madonna delle Grazie eseguita nella prima metà del XV secolo da Rossello di Jacopo Franchi e la tavola duegentesca raffigurante la Madonna col Bambino attribuita a Meliore, che è diventata un po' il simbolo di questo museo, sia perchè la sopravvivenza di un'opera con una datazione così alta (1270-1280 ca.) rappresenta sempre un fatto di importanza eccezionale, sia perchè si tratta di una tavola famosa e molto studiata, variamente tolta e restituita al catalogo del pittore. Nella stessa sala è riunito un gruppo di tavole significativo nell'ambito della produzione pittorica minore nel Quattrocento e offre l'occasione di focalizzarne un aspetto importante, quello della bottega a conduzione familiare: si tratta di una Madonna col Bambino (molto lacunosa) attribuita a Lorenzo di Bicci e databile verso la fine del XIV secolo e una serie di sei dipinti eseguiti negli anni Settanta del XV secolo da Neri di Bicci, suo nipote, e raffiguranti: la Madonna in trono col Bambino fra San Nicola, l'Angelo Raffaele e Tobia, Sant'Antonio Abate, San Donnino e San Giuliano, il Compianto sul Cristo morto con i santi Luca, Margherita, Maria Maddalena e Giovanni Evangelista e alcuni frammenti che costituivano una pala d'altare nei quali figurano la Vergine e San Sebastiano, San Giovanni e San Rocco e i due ritratti di Fra Luca Lanfranchini da Mantova e Niccolò Sernigi, fondatori del convento di Santa Maria al Morrocco, da dove viene l'intero nucleo di opere.

Museo Tavarnelle Enthroned Madonna with Child

Neri di Bicci
Madonna enthroned with Child,
Documented in 1473

Museo Tavarnelle Madonna with Child

Attributed to Meliore
Madonna with Child
ca. 1270-1280

La famiglia Di Bicci

Lorenzo di Bicci, esponente della corrente più tradizionalista della pittura fiorentina della fine del XIV secolo, fu il capostipite di una delle più grandi e operose botteghe artistiche cittadine, nella quale subentrarono nel corso del Quattrocento, prima il figlio Bicci di Lorenzo (le cui opere si trovano numerose nelle chiese del contado) e poi il figlio di questo Neri, ereditandone dopo un periodo di apprendistato sia la gestione che la clientela. Le tavole eseguite da Neri per Santa Maria del Morrocco costituiscono un complesso unico e di grande interesse, sia per la qualità esecutiva e l'ottimo stato di conservazione, sia per la certezza della documentazione: i due dipinti con la Sacra Conversazione e il Compianto sono ricordati nelle memorie del pittore stesso, dove si legge che furono allogate nel 1472 da Niccolò Sernigi, che oltre a queste nel 1475 commissionò anche la pala per l'altare maggiore, successivamente smembrata e che, secondo quanto ipotizza la Proto Pisani, doveva raffigurare al centro la Trinità con l'iconografia del Cristo crocifisso, e attorno le immagini dei suddetti frammenti.

Dalla soppressa chiesa di San Martino a Cozzi proviene la pala con la Madonna in trono fra i santi Martino e Sebastiano che ha dato il nome al suo ignoto esecutore, conosciuto come Maestro di Tavarnelle e di cui si può ammirare un'opera anche nel Museo d'Arte Sacra a San Casciano (I Santi Antonio Abate, Sebastiano e Rocco). Verso la fine dello stesso secolo (1580 ca.) è datato un piccolo ma importante dipinto raffigurante la Madonna col Bambino e San Giovannino attribuito unanimemente dalla critica a Jacopo Chimenti detto l'Empoli, un pittore fiorentino influenzato nella sua giovinezza, ai tempi di questa tavola, da Andrea del Sarto e dal Pontormo.

Master of Tavarnelle or of the Cassoni Campana

Master of Tavarnelle or of the Cassoni Campana
Madonna enthroned with Child between Saints Sebastian and Martin
ca. 1510 -1515

Neri di Bicci Lamentation Museo Tavarnelle

Neri di Bicci
Lamentation
Documented in 1473

Al centro della sala, raggruppate per chiesa di origine, sono esposte le argenterie, fra le più antiche segnaliamo: due croci astili duegentesche, le cui incisioni ripropongono la consueta iconografia dei Dolenti ai lati del Cristo e dei quattro simboli degli evangelisti sul verso dei bracci, dai contorni lineari e ancora privi delle placchette terminali; un calice del XV secolo dall'alto piede mistilineo, che conserva ancora gli smalti sui raccordi del fusto; e due turiboli appartenenti allo stesso secolo, uno a tempietto e uno dalla forma vagamente piramidale, secondo un modello ancora trecentesco. Sono presenti anche un cospicuo numero di arredi sei e settecenteschi di manifattura fiorentina e toscana, un pregevole esempio dei quali è costituito da un calice di San Bartolomeo a Palazzuolo, e da un nucleo di argenterie napoletane tutte riferibili al XIX secolo, ad eccezione del bell'ostensorio eseguito da Nicola De Angelis nel 1706.

L'ambiente successivo riunisce le opere appartenenti al piviere di San Donato in Poggio, rappresentative di un ampio lasso di tempo che va dal XIV al XIX secolo. La tavola più antica, senz'altro una delle presenze più importanti nel museo, è il trittico raffigurante la Madonna col Bambino fra i santi Pietro e Giovanni Evangelista attribuita a Ugolino di Nerio, databile al terzo decennio del Trecento e proveniente dalla chiesa di San Pietro a Olena. Dalla stessa chiesa provengono: i quattro dipinti seicenteschi di scuola toscana raffiguranti gli Evangelisti con a fianco i rispettivi simboli iconografici; due ottagoni con San Francesco di Paola e il Sacrificio di Isacco attribuiti a Giovanni Montini, pittore fiorentino documentato fra il 1600 e il 1650; la Presentazione al Tempio eseguita alla fine del XVII secolo da Alessandro Gherardini, che presenta un'apertura centrale creata posteriormente per accogliere un'immagine di culto; un coevo dipinto di scuola fiorentina raffigurante l'Assunzione della Vergine e una recente tavoletta, datata 1874, che rappresenta il Sacro Cuore di Maria. Una pregevole opera quattrocentesca è giunta al museo anche dalla chiesa di San Lorenzo a Cortine, si tratta di una Madonna in trono col Bambino fra gli Arcangeli Raffaele e Gabriele, databile fra il 1470 e il 1480 ca. e attribuita al Maestro di Marradi.

Triptych Museo Tavarnelle Museo Tavarnelle

Sempre alla chiesa di Cortine appartengono alcuni dipinti settecenteschi, di cui segnaliamo soltanto le due tele che fanno "pendant" e raffigurano San Giuseppe col Bambino Gesù, opera di un seguace del Sagrestani, e i Santi Pietro e Paolo di Francesco Conti. Completano l'allestimento della sala ancora un gruppo di argenterie dei secoli XVII e XVIII, di buona fattura ma di tipologia consueta, e un singolare armadio ottocentesco in legno dipinto e intarsiato, la cui parte inferiore era utilizzata come mensa d'altare, mentre la superiore, divisa in scomparti, era destinata alla custodia dei reliquiari.

Oggetti Votivi,Tessuti e Abiti da Cerimonia

La terza sala è dedicata alla devozione e ospita, oltre ad un nutrito gruppo di reliquiari in legno e argento (ad ostensorio, in forma di edicola o ad urna), alcune tele che rappresentano immagini di culto: il settecentesco San Lorenzo proveniente da San Lorenzo a Cortine; e il San Pietro di Olena, opera del 1770 firmata da Stefano Amigoli, seguace di Francesco Conti e attivo a Firenze nella seconda metà del secolo XVIII. Le altre due piccole tavole presenti nella sala, raffiguranti San Luca (n. 15a) e San Marco (n. 15b), fanno parte di una serie seicentesca dei quattro evangelisti realizzata da un ignoto pittore di scuola toscana, nella quale ciascun santo è rappresenato seduto, con il libro aperto e con accanto il proprio simbolo iconografico.

L'esposizione termina nel corridoio della canonica, dedicato in parte alle documentazioni figurative della religiosità popolare e dominato dalla tavola cinquecentesca raffigurante la Madonna col Bambino tra i Santi Rocco e Alberto di Sicilia, realizzata nell'ambito del pittore fiorentino Antonio del Ceraiolo per la confraternita dell'Assunzione di Maria, attigua alla chiesa di Santa Maria al Morrocco. Gli altri tre dipinti che si trovano lungo la parete attigua, opere di scuola toscana fatte eseguire da devoti del luogo, sono ex-voto che testimoniano il culto e il favore popolare tributato alla Vergine del Morrocco e commemorano importanti eventi storici e di fede quali: la Liberazione dal contagio della peste del 1630-1633, per cui viene ringraziata la Madonna nel quadretto seicentesco, sul fondo del quale si intravede il convento carmelitano; il Miracolo di una donna inferma, raffigurato nella tempera datata 1744; e l'Apparizione della Madonna col Bambino ad un fedele, soggetto del piccolo quadro ad olio del 1747. Il corridoio accoglie, inoltre, una significativa campionatura di stoffe liturgiche sei e settecentesche di manifattura italiana, alcune delle quali, come la pianeta in damasco color rosa salmone con in basso lo stemma nobiliare della famiglia Vettori, sono dei pregevoli esemplari di tessuto a destinazione profana, evidentemente riutilizzati per confezionare vesti liturgiche.

Orario: invernale Sab-Dom 15,30-18
estivo Sab-Dom 16,30-19;

Museo di Cultura Contadina

Museo E. Ferrari di Cultura Contadina

All'interno del castello di San Donato in Poggio, in via del Giglio ha sede il museo che raccoglie ed espone al pubblico la collezione privata messa a disposizione dall'ingegner Emilio Ferrari, a cui è intitolato il museo. Della raccolta fa parte una nutrita collezione di attrezzi, utensili e strumenti che documentano lo svolgimento delle attività produttive e il piccolo artigianato legato alle attività del mondo rurale chiantigiano; nonchè un cospicuo gruppo di utensili e contenitori in rame prevalentemente del XIX secolo, di varia provenienza.

Orario:
Lun-Sab 9-12,30 / 16-19. Dom 9-12,30

Indietro a Tavarnelle

Website promotion, website design, content management by ammonet InfoTech

Copyright © ammonet InfoTech 1998 - 2016. All rights reserved.